AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

10/11/2020

DEPOSTA CORONA D'ALLORO DAVANTI IL MONUMENTO DEI CARABINIERI UCCISI AL CASELLO AUTOSTRADALE

DEPOSTA CORONA D'ALLORO DAVANTI IL MONUMENTO
DEI CARABINIERI UCCISI AL CASELLO AUTOSTRADALE
Cerimonia sobria per il 41° anniversario dell'eccidio di San Gregorio.
 
SAN GREGORIO – Il sindaco di San Gregorio, Carmelo Corsaro, ha posto oggi, martedì 10 novembre, una corona d'alloro ai piedi del monumento eretto in ricordo dei tre carabinieri uccisi in un agguato al casello autostradale di San Gregorio il 10 novembre 1979. Insieme al sindaco anche il tenente colonnello Piercarmine Sica, in rappresentanza dell'arma dei carabinieri, l’assessore al Turismo Giovanni Zappalà e il parroco don Ezio Coco che ha benedetto la cerimonia.
A causa dei divieti imposti dall’ultimo Dpcm emanato dal governo per contrastare il diffondersi del covid-19, per la prima volta in 41 anni, la cerimonia si è svolta in un silenzio profondo disturbato solo dalle auto in corsa in autostrada.
Una preghiera e la benedizione quindi i rappresentanti delle tre istituzioni, civile, militare e religiosa, accompagnati dagli agenti della Polizia locale, hanno “sciolto le righe”.
«Un evento che andava onorato comunque – ha spiegato il primo cittadino – la pandemia non deve scoraggiarci e vanificare tradizioni e cerimonie che sono importanti per la memoria della legalità e della democrazia. Laddove è possibile, nel pieno rispetto delle nuove norme, con tutte le misure precauzionali imposte dal governo, le istituzioni devono far sentire la loro presenza. Oggi più che mai i cittadini hanno bisogno di riferimenti ed esempi; di regole e di valori».
I tre servitori dello Stato, uccisi barbaramente dalla criminalità organizzata durante il trasferimento del pregiudicato, noto nell'ambiente malavitoso come “viso d’angelo”, poi rapito e assassinato per un regolamento di conti, furono: il vicebrigadiere Giovanni Bellissima, 24 anni, e gli appuntati Salvatore Bologna, 41 anni, e Domenico Marrara, 50 anni.
 
San Gregorio di Catania 10 novembre  2020
 
Dott. Alfio Patti 
Ufficio Stampa