AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

03/04/2019

IL CANTASTORIE ENTRA IN CLASSE  

IL CANTASTORIE ENTRA IN CLASSE    SAN GREGORIO – “Il Cantastorie in classe” è il titolo del progetto, ideato e promosso dall’assessora alla Cultura e Spettacolo, Eleonora Suizzo, e patrocinato dal Comune di San Gregorio, che prenderà il via giovedì 4 aprile nella scuola “Michele Purrello”, plesso di Via Umberto. L’iniziativa è rivolta, così come concordato con la dirigente scolastica, Gisella Barbagallo, alle classe terze della scuola primaria. Le lezioni, cantate e cuntate, saranno a cura dell’Aedo dell’Etna Alfio Patti. «Ho sempre aperto le porte del mio istituto alle iniziative che riguardano la cultura e l’identità siciliana – ha commentato la dirigente Barbagallo – perché ritengo che per una formazione completa i giovani debbano conoscere, oltre alla cultura nazionale ed europea, anche le culture originarie della propria terra». I bambini, accompagnati dalle insegnanti, oltre a conoscere la figura del cantastorie che racconta miti e leggende, dovranno costruire, inventandola, una storia fatta di racconto, di canto, di disegni. Questi ultimi formeranno il cartellone della storia, strumento dal quale il cantastorie tradizionale non si separa mai. «Fra gli argomenti ipotizzati – ha detto l’insegnante Laura Roccella - quelli della famiglia, del bullismo, della differenziata e della leggenda di Colapesce. Ma in corso d’opera potremmo venire incontro alle esigenze dei bambini cercando altri temi». Per l’assessora Suizzo «si tratta – ha spiegato – di un percorso che ho intrapreso sin dal mio insediamento, cioè quello di valorizzare la cultura siciliana nelle sue tante sfaccettature. L’ho fatto coinvolgendo non solo le scuole ma anche i cittadini di tutte le età perché ritengo che certe tradizioni non debbano perdersi, diversamente ci snatureremmo e la globalizzazione e l’omologazione mira proprio a questo». Il corso si concluderà a fine maggio.    San Gregorio di Catania 03 Aprile 2019 Alfio Patti  Ufficio Stampa