AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

02/01/2019

UNA CASA DELL’ACQUA A SAN GREGORIO?  

UNA CASA DELL’ACQUA A SAN GREGORIO?   SAN GREGORIO – È del vice presidente del consiglio comunale, Graziella Ferro, la proposta, inoltrata con una mozione, affinché il sindaco, Carmelo Corsaro, e la sua Giunta “provveda alla valutazione di fattibilità di una struttura di distribuzione dell’acqua naturale, gasata e refrigerata, la cosiddetta “Casa dell’acqua”, volta a fornire ai cittadini un punto di prelievo pubblico dell’acqua potabile naturale, gasata e refrigerata». Così recita la mozione, che dovrebbe essere inserita all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, che la Ferro, già consigliera nella passata sindacatura Corsaro, aveva sottoposto all’Amministrazione. « Il beneficio principale di questa iniziativa – ha sottolineato Graziella Ferro - è di disincentivare il consumo dell’acqua minerale in bottiglie di plastica, che hanno un grave impatto sull’ambiente sia in termini di smaltimento dei rifiuti sia in termini di inquinamento atmosferico da CO2 provocato dal trasporto su gomma, diventando di fatto acqua a “km zero”. «I luoghi destinati alle “Case dell’acqua” – ha spiegato ancora la vice presidente del consiglio comunale - possono diventare punti di aggregazione sociale, di incontro e di dialogo. Rimando all’amministrazione e agli uffici competenti, quindi, l’individuazione delle aree  (zona Nord e zona Sud  della cittadina) dove allocare le case dell’acqua». D’accordo all’iniziativa l’assessore ai Lavori pubblici, Salvo Cambria che già si è attivato per individuare le zone più adatte: «Ci stiamo adoperando perché l’iniziativa possa andare a buon fine – ha commentato Cambria – cercando modi idonei di allestimento sia dal punto di vista costruttivo, sia logistico, consentendo un facile accesso e un adeguato parcheggio, ponendo attenzione peraltro alla facilità d’uso, per esempio erogando i prelevamenti dell’acqua con la tessera o semplicemente con monete». Le esperienze già avviate in altri Comuni di distribuzione dell’acqua potabile mediante punti di erogazione dislocati sul territorio e chiamati “Case dell’acqua” stanno dando risultati positivi sia in termini di gradimento dei cittadini che di riduzione dell’uso di bottiglie di plastica. Anche San Gregorio vuole inserirsi in questo circuito virtuoso per agevolare cittadini e ambiente.         San Gregorio di Catania 02 gennaio 2019         Alfio Patti  Ufficio Stampa