AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

19/03/2018

SAN GREGORIO ABBRACCIA ELENA.

SAN GREGORIO ABBRACCIA ELENA.
UNA MAREA DI GENTE ACCOGLIE LA GIOVANE SANGREGORESE
VINCITRICE DI SANREMO YOUNG
 
 
SAN GREGORIO – Una cerimonia informale ma assai densa di significato.
Una dimostrazione di affetto e di stima nei confronti di Elena Manuele, vincitrice della prima edizione di Sanremo Young, che è stata letteralmente travolta dai teenagers suoi fans e da tutti i suoi concittadini domenica mattina all’uscita della chiesa madre dopo la santa messa.
Con palloncini gialloblù, i colori del Comune di San Gregorio, una folla di sangregoresi, sindaco in testa, ha voluto abbracciare la sedicenne cantante di Sanremo Young che ha “rapito” i cuori di icone dello spettacolo italiano come Gino Paoli, Marco Masini, Iva Zanicchi, Pippo Baudo portando a casa la Palma d’oro sanremese che ha fatto sognare tantissimi cantanti italiani.
Accompagnata da papà Carmelo, dalla mamma Alfina e dalla sorella Carla, Elena è stata “accerchiata” da una marea di affetto già sull’altare della chiesa madre, dopo che il parroco, don Ezio Coco, aveva espresso parole di elogio nei suoi confronti in una chiesa gremita di fedeli.
All’uscita, il sindaco, Carmelo Corsaro, insieme all’assessora alla Cultura, Marilena Caruso e l’assessore ai Servizi sociali, Seby Sgroi, numerosi consiglieri e tantissimi sangregoresi ha organizzato un brindisi nell’attiguo oratorio di piazza Marconi.
«Sono felicissimo – ha commentato emozionato il sindaco Corsaro – per Elena e per la nostra collettività. È certo un orgoglio per la nostra cittadina dal momento che la ragazza ha calcato il palcoscenico Tempio della canzone italiana nel mondo vincendo l'edizione».
Emozionatissima Elena ha vissuto momenti di celebrità firmando autografi senza sosta e posando per centinaia di foto. Un momento emozionante è stato quando tra la folla Elena ha intravisto la maestra Stefania Privitera, oggi direttore d’orchestra e di coro, colei che per prima le ha insegnato a muovere le mani sulla tastiera del pianoforte.
Per papà Carmelo, ora anche tutor manageriale, ricordiamo che la ragazza è minorenne, ha ringraziato il parroco, il sindaco e la comunità: «Elena – ha dichiarato – nonostante la sua giovane età ha dimostrato di essere una ragazza matura; ha affrontato prove impegnative sia dal punto di vista psicologico sia fisico».
  
    
  
 San Gregorio di Catania 19 marzo 2018
 
 
Alfio Patti 
Ufficio Stampa