AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

14/03/2017

Corpo Bandistico

Corsaro: «Un altro tassello che si aggiunge alla ricostruzione storico-culturale della nostra cittadina»
 
SAN GREGORIO – Grande festa per l’inaugurazione del Corpo bandistico “Città di San Gregorio” che dopo tanti anni di oblio è stato ricostituito grazie alla volontà del sindaco, Carmelo Corsaro, e all’interesse del consigliere Giovanni Zappalà. La banda,che ha sfilato per le vie cittadine, oinvolge circa 60 i giovani che frequentano i corsi gratuiti per imparare uno strumento. Fra di loro anche i veterani che non hanno mai abbandonato l’idea di poter ritornare a far parte della banda del proprio paese. Il direttore è il maestro Giuseppe Scavo, insegnante di educazione musicale presso l’Istituto “Domenico Savio” di San Gregorio.
Per il primo cittadino, Carmelo Corsaro, si tratta di «Un altro tassello – ha detto - che si aggiunge al mio progetto relativo all’identità storica e culturale della cittadina. Ricostituire la banda che ha origini antiche, il primo corpo fu fondato nel 1908 dal salesiano don Urso, significa anche dare spazio a centri di aggregazione sociale e culturale con particolare richiamo per i giovani che coinvolti dalla musica trovano sani motivi per stare insieme».
Soddisfatto anche il consigliere comunale, Giovanni Zappalà che si è adoperato per mettere insieme il mosaico: «Quando nel settembre 2016 il sindaco mi chiese di collaborare per fare ripartire la storica banda cittadina – ha spiegato Zappalà - accettai con entusiasmo e soprattutto con passione.  «Per prima cosa – ha continuato Zappalà - contattai tutti i bandisti di San Gregorio che nel frattempo suonavano nelle varie bande dei paesi vicini, e poi i giovani sia della zona di Cerza che della zona del centro storico in modo da coinvolgere tutto il paese».
Il maestro Scavo, già flautista nella banda nazionale della Guardia di Finanza, appena incaricato si è messo subito al lavoro: «Ho accolto la proposta con molto piacere – ha commentato Scavo -. Come primo passo ho fatto partire immediatamente il Laboratorio musicale accogliendo un buon numero di giovanissimi desiderosi di iniziare a studiare musica, inoltre ho invitato diversi ragazzi che già avevano studiato uno strumento musicale a fiato negli ultimi anni presso le scuole medie ad indirizzo musicale, compresa la “Savio”.
«Il laboratorio musicale – ha concluso il maestro Scavo - attivatosi presso l’Auditorium “Carlo Alberto Dalla Chiesa”, per me è stata l’occasione per realizzare diverse attività: tenere lezioni individuali a tutti coloro che avevano appena iniziato a studiare musica; tenere lezioni di musica di insieme per fiati con l’organico a disposizione appena formatosi e, allo stesso tempo, e dare la possibilità ai bandisti veterani sangregoresi di poter suonare insieme ai nuovi arrivati».
 
            
 San Gregorio di Catania 13 marzo 2017
 
 
Alfio Patti
Ufficio Stampa